Coins of various currency.

Un passo avanti per il debito sovrano

NEW YORK – Ogni paese avanzato dispone di una normativa fallimentare , ma non c’è un quadro normativo equivalente per i mutuatari sovrani. La mancanza di una legge ha la sua importanza, poiché, come vediamo in Grecia e a Porto Rico, può togliere vita all’economia.

A settembre le Nazioni Unite hanno fatto un grande passo avanti, approvando una serie di principi sulla ristrutturazione del debito sovrano. Le nove regole, vale a dire il diritto di uno stato sovrano a iniziare una ristrutturazione del debito, l’immunità sovrana, il trattamento equo dei creditori, la ristrutturazione a (super) maggioranza, la trasparenza, l’imparzialità, la legittimazione, la sostenibilità e la buona fede nelle negoziazioni, formano le basi di una efficiente rule of law internationale.

Il sostegno enorme di questi principi, con 136 membri delle Nazioni Unite a favore e solo sei contro (guidati dagli Stati Uniti), mostra la portata del consenso globale sul bisogno di risolvere la crisi del debito in maniera tempestiva. Ma il prossimo passo – un trattato internazionale che instaura il regime di bancarotta globale a cui i paesi sono vincolati– potrebbe rivelarsi più difficile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/fiePcN7/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.