Spencer Platt/Getty Images

Le Conseguenze Economiche della Guerra Commerciale di Trump

BERKELEY – La falsa e millantata guerra commerciale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è diventata realtà.

I dazi su acciaio ed alluminio che l’amministrazione Trump ha imposto all’inizio di giugno sono stati rilevanti soprattutto per il loro valore simbolico, non per il loro reale impatto economico. Le tariffe indicavano che gli Stati Uniti non stavano più giocando secondo le regole del sistema commerciale mondiale, ma prendevano di mira soltanto 45 miliardi di dollari di importazioni, meno dello 0,25% del PIL, rispetto ad un’economia USA di 18,5 trilioni di dollari.

Il 6 luglio, tuttavia, è entrata in vigore una tariffa addizionale del 25% su 34 miliardi di dollari di esportazioni cinesi, e la Cina si è rivalsa contro un equivalente volume di esportazioni statunitensi. Trump, irritato, ha ordinato al rappresentante commerciale degli Stati Uniti di stilare un ulteriore elenco di merci cinesi, del valore di oltre 400 miliardi dollari, da poter tassare, e la Cina ha nuovamente promesso di vendicarsi. Trump ha anche minacciato di imporre dazi sull’importazione di autoveicoli e loro parti per un valore di 350 miliardi di dollari. Se lo facesse, l’Unione Europea e altri paesi potrebbero rivalersi contro un uguale ammontare di esportazioni statunitensi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Lgnnosb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.