Andia/UIG via Getty Images

La Doppia Minaccia alla Democrazia Liberale

CAMBRIDGE – Oggi la crisi della democrazia liberale viene apertamente denunciata. La presidenza di Donald Trump, il voto sulla Brexit nel Regno Unito e l’ascesa elettorale di altre forze populiste in Europa hanno evidenziato la minaccia rappresentata dalla “democrazia illiberale” – una sorta di politica autoritaria caratterizzata da elezioni popolari, ma anche da poco rispetto per lo Stato di diritto e le minoranze.

Pochi analisti però hanno notato che la democrazia illiberale – o il populismo – non è l’unica minaccia politica. La democrazia liberale viene anche compromessa dalla tendenza ad enfatizzare il termine “liberale” a spese del termine “democrazia”. In questo tipo di politica, i governanti sono preservati dalla responsabilità democratica da una serie di restrizioni che limitano il ventaglio di politiche che essi possono offrire. Organismi burocratici, autorità di controllo autonome, e tribunali indipendenti stabiliscono le politiche, oppure esse sono imposte dall’esterno dalle regole dell’economia globale.

Nel suo nuovo e importante libro The People vs. Democracy, il teorico politico Yascha Mounk chiama questo tipo di regime – in perfetta simmetria con la democrazia illiberale – “liberalismo antidemocratico”. Egli osserva che i nostri regimi politici hanno da tempo smesso di funzionare come democrazie liberali e assomigliano sempre più, appunto, al liberalismo antidemocratico.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/YYVZ8oH/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.