Sanzioni e solidarietà

BRUXELLES – L’Unione europea ha finalmente trovato un accordo sulle “sanzioni di terzo livello” nei confronti della Russia per la sua azione contro l’Ucraina. Come avviene sempre per l’UE, arrivare a questo punto è stato un percorso lungo e difficile.

Un problema chiave, che figura sempre, è dato dal fatto che se da un lato le sanzioni servono a perseguire uno scopo comune, dall’altro i costi di implementazione vengono sostenuti singolarmente dagli stati membri. Inoltre, questi costi sono ben visibili e concreti dato che i posti di lavoro nelle aziende che dipendono dalle esportazioni verso la Russia sembrano essere a rischio. Non è quindi sorprendente che la preoccupazione maggiore per diversi stati membri è il costo potenziale delle sanzioni sulle proprie economie rispetto invece all’obiettivo ultimo, nell’ambito della politica estera, di inviare un chiaro messaggio alla Russia, ovvero che la violazione delle leggi internazionali comporta delle conseguenze.

Ecco perchè un fondo comune per il risarcimento dei costi economici legati alle sanzioni dovrebbe essere parte integrante della posizione dell’UE verso la Russia nell’ambito della politica estera. L’istituzione di un simile fondo rappresenterebbe un forte simbolo di solidarietà all’interno dell’UE e darebbe allo stesso tempo un’opportunità per fare delle riflessioni sulla natura dei costi delle sanzioni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/ARdazSl/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.