Numbers

Il gioco dei numeri nel commercio

CAMBRIDGE – Il Trans-Pacific Partnership (TPP), un mega accordo commerciale tra 12 Paesi che insieme rappresentano oltre un terzo del Pil globale e un quarto delle esportazioni mondiali, è l’ultimo campo di battaglia nel decennale scontro tra sostenitori e oppositori degli accordi commerciali.

Come al solito, i fautori del TPP hanno preparato modelli quantitativi che fanno sembrare l’accordo un gioco da ragazzi. Il modello preferito prevede aumenti dei redditi reali dopo 15 anni che vanno dallo 0,5% per gli Stati Uniti all’8% in Vietnam. Inoltre, questo modello, sviluppato da Peter Petri e Michael Plummer, rispettivamente dell’università Brandeis e Johns Hopkins, che si fonda su una lunga serie di strutture simili sviluppate da loro e da altri esperti, prevede un costo piuttosto esiguo in termini di occupazione per i settori colpiti.

Chi si oppone al TPP si aggrappa a un modello concorrente, che genera proiezioni molto diverse. Prodotto da Jeronim Capaldo dell’Università Tufts e Alex Izurieta della Conferenza Onu sul commercio e sullo sviluppo (insieme a Jomo Kwame Sundaram, ex Vice Segretario generale Onu), questo modello prevede salari più bassi e una disoccupazione generale più elevata, oltre a un calo dei redditi in due Paesi rilevanti, Stati Uniti e Giappone.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FCv5Ull/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.