La politica americana da terzo mondo

CAMBRIDGE – Con le elezioni presidenziali al termine, gli Stati Uniti possono finalmente prendersi un attimo di respiro dalla campagna elettorale, almeno per un po’ di tempo. Resta però una domanda scomoda: come è possibile che il paese più potente del mondo e la più antica democrazia continua esibiscano un discorso politico più reminiscente di uno stato africano fallito?

Forse è una valutazione troppo dura per le nascenti democrazie africane. Se pensate che esagero, non state prestando la giusta attenzione. Il compiacere i gruppi estremisti, il rifiuto della scienza, le chiare bugie e distorsioni e l’evasione delle vere tematiche che hanno caratterizzato il più recente ciclo di elezioni hanno fissato un nuovo minimo storico per la politica democratica.

Senza dubbio i peggiori trasgressori sono i repubblicani americani, i cui leader sono in qualche modo rimasti incantati dalle idee ritenute inaccettabili in altri Paesi avanzati. Delle decine di candidati del partito alle presidenziali, solo due (Mitt Romney e Jon Huntsman) si sono rifiutati di respingere le prove scientifiche sul riscaldamento globale e alle sue cause umane. Ma, quando si è andati sull’argomento, Romney si è sentito abbastanza a disagio per la sua posizione da esitare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/6unIzNS/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.