Skip to main content

d26e5a0346f86f100fe1db01_pa2986c.jpg Paul Lachine

Il mito della crescita autoritaria

CAMBRIDGE – Una domenica mattina di poco tempo fa, diverse centinaia di attivisti a favore della democrazia si sono riuniti in piazza a Mosca per protestare contro le restrizioni imposte dal governo sulla libertà di riunirsi. Mostravano dei cartelli con scritto “31” in riferimento all’articolo 31 della costituzione russa che garantisce, per l’appunto, il diritto a riunirsi. I manifestanti sono stati subito circondati dalla polizia nel tentativo di disperderli. Uno dei principali critici del Cremlino è stato trascinato, insieme a molti altri, in una macchina della polizia ed è stato portato via.

Episodi come questo accadono ormai quasi quotidianamente in Russia, dove il Primo Ministro, Vladimir Putin, governa il paese con il pugno di ferro, mentre le persecuzioni contro gli oppositori, le violazioni dei diritti umani e gli abusi delle leggi sono diventate routine. In un periodo in cui la democrazia ed i diritti umani sono ormai la regola nel contesto globale, queste trasgressioni non aiutano di certo a migliorare la reputazione della Russia. Questo, i leader autoritari come Putin, lo capiscono bene, ma, apparentemente, lo ritengono un prezzo equo per esercitare a casa loro un controllo sfrenato.  

Quello che, invece, i leader come Putin non comprendono, è che la loro politica compromette necessariamente il futuro economico del loro paese e la loro posizione nel contesto economico globale.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/6xzSdEz/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions