2

I Vantaggi degli IDE Cinesi

BERKELEY – In un raro atto bipartisan, il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente approvato una legge per incoraggiare al proprio l’incremento degli investimenti diretti esteri (IDE) all’interno degli USA. Democratici e Repubblicani concordano che gli IDE, o “l’internalizzazione”, sono importanti per l’occupazione e la competitività americana. Hanno ragione.

Ma, anche quando propongono nuove misure per corteggiare gli investitori stranieri, molti membri del Congresso di entrambi i partiti nutrono profonde preoccupazioni circa gli IDE della Cina, sia sul piano della sicurezza nazionale che per ragioni economiche. Queste preoccupazioni sono ingiustificate, e sono sconsiderate le politiche discriminatorie per la limitazione di tali investimenti.

Il governo degli Stati Uniti ha già in atto strumenti di controllo adeguati per rivedere e bloccare gli IDE provenienti da ogni paese, Cina inclusa, che presentino rischi anticoncorrenziali e per la sicurezza nazionale. Gli investimenti che superano questi controlli avvantaggiano l’economia statunitense in molti modi e dovrebbero essere accolti favorevolmente.

Negli Stati Uniti, le imprese straniere rappresentano il 5% dell’occupazione del settore privato, il 17% dei posti di lavoro nel settore manifatturiero, il 21% delle esportazioni, il 14% della ricerca e sviluppo, ed il 17% delle imposte sul reddito aziendale. Riconoscendo gli importanti contribuiti degli IDE all’economia statunitense, il Consiglio su Lavoro e Competitività del Presidente Barack Obama ha approvato il nuovo programma dell’amministrazione Select USA per coordinare a livello governativo gli impegni per il loro sostegno.