Wally Gobetz/Flickr

Codice Genetico di un Vampiro

NEW HAVEN – La tripanosomiasi umana africana (Human African Trypanosomiasis -HAT) - conosciuta anche come malattia del sonno –ha afflitto a lungo le popolazioni rurali dell’Africa sub-sahariana. Infezione parassitaria, spesso è fatale se non curata. E il suo trattamento è complesso, in quanto richiede un tipo di personale medico altamente specializzato difficile da trovare nelle zone colpite. I parassiti che portano l’infezione - Trypanosoma brucei gambiense in Africa centrale e occidentale e T. b. rhodesiense in Africa orientale - sono trasmessi attraverso la puntura di una mosca tse-tse infetta (Glossina morsitans morsitan).

All’inizio del XX secolo, le epidemie di HAT hanno decimato le popolazioni in molte parti dell’Africa. Sebbene lo screening sistematico e il trattamento di milioni di persone abbia ridotto drasticamente la trasmissione della malattia negli anni trenta, l’allentamento di tale impegno ha permesso alla HAT di riemergere negli anni cinquanta e sessanta, raggiungendo livelli epidemici all’inizio degli anni novanta. A partire dal 2008, una campagna dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha finalmente portato la malattia sotto controllo, riducendo i suoi contraenti soltanto a circa 10 mila persone ogni anno. Tuttavia milioni rimangono a rischio.

Certo, le mosche tse-tse rappresentano un grave pericolo per le aree che non possono permettersi o non possono accedere alle cure. E la minaccia non è limitata agli esseri umani. La tripanosomiasi animale africana, o nagana, è causata dai parassiti Trypanosoma congolense, T. vivax, e T. brucei - che sono tutti trasmessi dalla mosca tse-tse.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/ls6eemK/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.