Abitazione vs Habitat

CAMBRIDGE – Peter Drucker, l’influente guru del management, ha detto una frase famosa: “Quello che non viene misurato, non viene fatto”. Avrebbe potuto aggiungere che ciò che viene misurato male, viene fatto male.

Si considerino gli alloggi a basso reddito. La maggior parte dei paesi in via di sviluppo, e molti di quelli ricchi, definiscono la loro mancanza di offerta abitativa in base al numero di famiglie che vivono in unità ritenute socialmente inaccettabili. Ma cosa si intende per inaccettabile varia notevolmente da paese a paese. Acqua corrente, fognature ed elettricità sono elementi considerati essenziali nelle Americhe, ma non in India.

Il problema è che le persone non chiedono case; domandano habitat. Una casa è un oggetto, un habitat è un nodo in una molteplicità di reti sovrapposte - fisiche (elettricità, acqua e servizi igienico-sanitari, strade), economiche (trasporti urbani, mercati del lavoro, distribuzione e vendita al dettaglio, intrattenimento) e sociali (istruzione, sanità, sicurezza, famiglia, amici). La possibilità di collegarsi a tutte queste reti costituisce il valore di un certo habitat.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/iDf5I7i/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.