Crolli e propagazioni

BRUXELLES – Le metafore usate durante la crisi finanziaria del 2008-2009 – terremoto, tsunami, crollo, cigno nero, propagazione – sono tornate per vendicarsi, ma questa volta si sono presentate letteralmente. Di fatto, la crisi finanziaria e la crisi nucleare alla centrale nucleare giapponese di Fukushima hanno almeno quattro caratteristiche in comune:

•         La metafora del “cigno nero”, usata in questi eventi per evidenziare la difficoltà nella definizione precisa dei rischi in sistemi complessi;

•         L'incapacità dei regolatori di prevedere e prevenire la crisi;

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/KZhFlVU/it;