Pedro Molina

Il ritorno della politica industriale

GINEVRA – La politica industriale è tornata in auge. Ovviamente, non è mai scomparsa davvero, soprattutto in quei paesi che aderiscono formalmente ai principi del libero mercato. Eppure il mondo post-crisi – in cui l’interventismo governativo ha ottenuto maggiore legittimazione nella vita economica – ne vedrà delle belle. Il successo della Cina e la tentazione di seguire la corrente del suo modello di sviluppo hanno altresì rinvigorito il fascino della politica industriale, e allo stesso modo vi hanno contribuito i migliori strumenti politici a disposizione e una maggiore esperienza su cosa funzioni o meno – un punto a cui tiene molto Justin Lin della Banca Mondiale.

In effetti, a seguito del dibattito sulla politica industriale promosso l’anno scorso dalla rivista The Economist tra i professori di Harvard Josh Lerner e Dani Rodrik, il 72% dei lettori si è espresso proprio a favore della politica industriale. I policymaker sembrano essere dello stesso parere, e non solo nei paesi in via di sviluppo, a giudicare dalla strategia “Europa 2020” lanciata l’anno scorso dall’Unione europea e dalla politica di green economy messa in atto dagli Stati Uniti.

Per i paesi in via di sviluppo, tuttavia, continuano a insidiarsi i vecchi pericoli della politica industriale. In primo luogo, i policymaker sbagliano spesso, sia quando scelgono a quali settori offrire il proprio sostegno sia quando attuano i relativi meccanismi; in secondo luogo, tendono a farsi “catturare” dagli interessi personali, soprattutto negli ambienti politici relativamente fragili, così incentivando favoritismi, inefficienze e sperperi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/I6CwvwB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.