6

La trasformazione digitale dell’Europa

SAN JOSE – L’Europa è al culmine di una trasformazione tecnologica senza precedenti. La chiamo “Internet of Everything”: la penetrazione del World Wide Web in ogni aspetto della nostra vita quotidiana. La tecnologia che si indossa ci dirà se stiamo dormendo bene e se dobbiamo fare esercizi. I sensori per strada ci aiuteranno ad evitare il traffico e a trovare parcheggio. Le applicazioni per la tele-medicina consentiranno ai medici di trattare pazienti a distanza di migliaia di chilometri.

Questa massiccia transizione trasformerà il modo in cui interagiscono i cittadini con i governi, rivoluzionerà interi settori e cambierà il modo in cui ci relazioneremo. In Europa, l’Internet of Everything sta emergendo come lo strumento più promettente in grado di rilanciare un’economia moribonda e affrontare la stagnante disoccupazione del continente, laddove le società, le città e persino i Paesi si posizioneranno come leader sul fronte dell’innovazione, della crescita e della creazione di posti di lavoro.

L’esempio più recente è la Francia. Il mese scorso, io e il primo ministro Manuel Valls abbiamo annunciato una partnership ambiziosa per promuovere la trasformazione digitale di tutto il Paese. La collaborazione, che include un investimento da 100 milioni di dollari da parte di Cisco in startup francesi, potrebbe trasformare la gestione energetica, la sanità e l’istruzione – incentivando la competitività economica della Francia, la creazione di posti di lavoro, il dinamismo e la crescita.

Il programma della Francia rappresenta un grande passo verso un’Europa digitale, e segue l’iniziativa  Industrie 4.0 della cancelliera tedesca Angela Merkel e l’espansione pianificata dal Regno Unito dei centri per l’innovazione tesa a incentivare le scoperte tecnologiche ed esplorare nuove soluzioni per l’energia, il trasporto, la sanità e l’istruzione.