Quantitative easing per i cittadini

OXFORD – Ormai è quasi certo che, entro la fine dell'anno, il calo dei prezzi dell'energia e delle materie prime spingerà l'inflazione annua dell'eurozona sotto lo zero, cioè ben al di sotto dell'obiettivo fissato dalla Banca centrale europea pari a quasi il 2%. Invece di continuare a permettere che un modo di pensare convenzionale e distorto, centrato sull'ideologia economica tedesca, impedisca di agire in maniera efficace, la Bce deve perseguire il quantitative easing (Qe) "per i cittadini" – un adattamento della strategia di Milton Friedman di "far cadere denaro da un elicottero" – al fine di invertire la deflazione e rimettere l'eurozona in carreggiata.

Allo stato attuale, la politica monetaria convenzionale ha avuto – e il Qe all'americana avrà – un impatto minimo sui principali paesi dell'eurozona. Questo può essere in parte spiegato dal fatto che, quando si tratta di erogazione del credito, i mercati dei capitali si accollano molto meno carico nell'eurozona (dove contano più le banche) che negli Stati Uniti. Di conseguenza, abbassare i rendimenti sui titoli garantiti dallo Stato e dalle attività sottostanti ha un impatto minore.

Al tempo stesso, il tasso di cambio dell'euro – l'unico meccanismo per cui le attuali politiche potrebbe ancora fare la differenza – non può essere ulteriormente abbassato. Per cominciare, dato l'enorme surplus commerciale dell'eurozona, il farlo susciterebbe forti resistenze a livello internazionale. Inoltre, i meccanismi attraverso i quali gli acquisti della Federal Reserve americana di titoli Abs, cioè asset-backed securities, stimolano la spesa dei consumatori – tassi ipotecari bassi, ampia possibilità di rifinanziamento dei mutui, elevati prezzi degli immobili e prestiti basati sul loro valore di mercato – funzionano in modo diverso nell'eurozona.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/XVlDxUu/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.