greece celebrates no oxi vote Kostas Pikoulas/ZumaPress

Il voto greco per la sovranità

CAMBRIDGE – Creditori e debitori tendono a trovarsi in disaccordo quando si tratta di restituire il denaro, ma è accaduto di rado che i problemi fossero formulati in termini così diretti, e in modo così partecipato, come nel caso del referendum greco appena conclusosi.

Con il voto del 5 luglio scorso l’elettorato greco ha clamorosamente respinto le richieste di ulteriori misure di austerità avanzate dai creditori stranieri, cioè la Banca centrale europea, il Fondo monetario internazionale e gli altri governi dell’eurozona guidati dalla Germania. Quali che siano i meriti economici della decisione, la voce del popolo greco è risuonata forte e chiara: non siamo più disposti ad accettare questa situazione.   

Sarebbe uno sbaglio, però, considerare il voto in Grecia come un’inequivocabile vittoria della democrazia, nonostante le dichiarazioni del primo ministro greco Alexis Tsipras e dei suoi sostenitori. Quello che i greci chiamano democrazia, in altri paesi altrettanto democratici viene interpretato come irresponsabile unilateralismo. In realtà, la presa di posizione greca ha riscosso poca simpatia in altri paesi dell’eurozona dove, da un referendum come quello greco, emergerebbe certamente un netto sostegno alle politiche di austerità imposte alla Grecia.  

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/XwwpJAh/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.