Bisogna investire bene in Europa

PARIGI – Il nuovo presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha rimesso gli investimenti in agenda con l’idea di un piano di sviluppo da 300 miliardi di euro (378 milioni di dollari) in tre anni. I leader dell’Unione europea discuteranno la proposta in dicembre. Sembrano tutti d’accordo sul fatto che più investimenti rafforzerebbero un’economia europea terribilmente flebile. Al di là del consenso superficiale, molte domande restano senza risposta.

Tanto per iniziare, non è la prima volta che l’Europa considera un’iniziativa di questo tipo. Nel 1993, la Commissione, sotto la guida di Jacques Delors, propose un piano di spesa dei capitali nel White Paper su crescita, competitività e occupazione. Il piano fu approvato su vasta scala, ma non fu intrapresa nessuna azione. In modo analogo, nel 2000, come parte della Strategia di Lisbona, l’Ue tentò di incrementare al 3% del Pil la spesa nazionale destinata a ricerca e sviluppo. Non riuscì a raggiungere questo obiettivo. Più recentemente, in giugno 2012, i leader dell’Ue hanno adottato un patto per la crescita e l’occupazione che avrebbe dovuto mobilitare 120 miliardi di euro. Al momento non ancora pervenuti.

È facile far finta di agire senza intervenire efficacemente. Un modo è quello di chiedere alla Banca europea per gli investimenti (Bei), la banca per lo sviluppo dell’Ue, di concedere più prestiti. Queste richieste vanno incontro a due limitazioni: la Bei stessa non mette facilmente a rischio il proprio rating finanziario assumendo troppi rischi, e i suoi prestiti sostituiscono facilmente i finanziamenti privati. Maggiori prestiti possono quindi essere inutili se si traducono in un soffocamento dei finanziamenti privati da parte della Bei per i migliori progetti a disposizione. Un ponte finanziato dalla Bei potrebbe essere più accessibile di uno finanziato dai mercati di capitale, ma resta lo stesso ponte e ha lo stesso impatto economico. L’entità del bilancio della Bei non è un buon parametro della sua efficacia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/dmCbiH3/it;
  1. An employee works at a chemical fiber weaving company VCG/Getty Images

    China in the Lead?

    For four decades, China has achieved unprecedented economic growth under a centralized, authoritarian political system, far outpacing growth in the Western liberal democracies. So, is Chinese President Xi Jinping right to double down on authoritarianism, and is the “China model” truly a viable rival to Western-style democratic capitalism?

  2. The assembly line at Ford Bill Pugliano/Getty Images

    Whither the Multilateral Trading System?

    The global economy today is dominated by three major players – China, the EU, and the US – with roughly equal trading volumes and limited incentive to fight for the rules-based global trading system. With cooperation unlikely, the world should prepare itself for the erosion of the World Trade Organization.

  3. Donald Trump Saul Loeb/Getty Images

    The Globalization of Our Discontent

    Globalization, which was supposed to benefit developed and developing countries alike, is now reviled almost everywhere, as the political backlash in Europe and the US has shown. The challenge is to minimize the risk that the backlash will intensify, and that starts by understanding – and avoiding – past mistakes.

  4. A general view of the Corn Market in the City of Manchester Christopher Furlong/Getty Images

    A Better British Story

    Despite all of the doom and gloom over the United Kingdom's impending withdrawal from the European Union, key manufacturing indicators are at their highest levels in four years, and the mood for investment may be improving. While parts of the UK are certainly weakening economically, others may finally be overcoming longstanding challenges.

  5. UK supermarket Waring Abbott/Getty Images

    The UK’s Multilateral Trade Future

    With Brexit looming, the UK has no choice but to redesign its future trading relationships. As a major producer of sophisticated components, its long-term trade strategy should focus on gaining deep and unfettered access to integrated cross-border supply chains – and that means adopting a multilateral approach.

  6. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now