growing dollars aluxum/Getty Images

Un Sistema Finanziario Rispettoso del Clima

PECHINO/FRANCOFORTE – La conferenza sul clima in corso a Katowice, in Polonia, è stata annunciata come la più importante dal vertice del 2015, che ha prodotto l’accordo sul clima di Parigi. Tra preoccupazioni pubbliche senza precedenti per la minaccia rappresentata dai cambiamenti climatici – alimentate da un allarmante recente rapporto dell’ Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite, per non parlare dei devastanti disastri naturali in tutto il mondo – i negoziatori stanno cercando di stabilire una serie di regole per rispettare gli impegni di Parigi. Ma, come spesso accade, il successo dipenderà dalla finanza.

Le economie avanzate del mondo hanno assunto importanti impegni finanziari nelle precedenti negoziazioni sul clima. Eppure non è affatto sicuro che realizzeranno le loro promesse, a partire dall’erogazione di 100 miliardi di dollari all’anno ai paesi in via di sviluppo entro il 2020. Secondo il Comitato Permanente sulla Finanza della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite (Standing Committee on Finance/ Framework Convention on Climate Change - SCF/UNFCCC), i finanziamenti pubblici destinati dai paesi sviluppati a quelli in via di sviluppo per sostenere azioni di mitigazione e adattamento relative ai cambiamenti climatici ammontavano a 57 miliardi di dollari nel 2016. Tenendo conto dei finanziamenti privati mobilitati dal sostegno pubblico, i flussi hanno raggiunto oltre 70 miliardi di dollari nel 2016.

Tuttavia, questa è una piccola parte dei 2,4 trilioni di dollari che il mondo ha bisogno di investire in energia pulita ogni anno tra oggi e il 2035 per mantenere il riscaldamento globale entro 1,5° C rispetto ai livelli preindustriali, come calcolato dall’IPCC. L’adempimento o meno da parte dei paesi ricchi degli impegni finanziari sul clima assunti nei precedenti negoziati, ed il grado di flessibilità che i paesi in via di sviluppo sono disposti ad accettare nel misurare i flussi finanziari, sono fattori fondamentali per far avanzare i colloqui sul clima in questo momento critico. Ma, soprattutto, è necessario che i rischi climatici e le considerazioni relative alla sostenibilità di lungo periodo siano integrati all’interno del sistema finanziario mondiale – a partire dalle banche, i proprietari di beni ed i manager, fino alle compagnie assicurative ed i mercati dei capitali che facilitano le transazioni degli attori finanziari.

To continue reading, register now.

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

or

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

https://prosyn.org/ocxlADMit