Janet Yellen Brookings Institution/Flickr

Perchè la Fed ha seppellito il monetarismo

LONDRA –La decisione della Federal Reserve degli Stati Uniti di rimandare l’aumento dei tassi di interesse non dovrebbe esssere una sorpresa per chiunque abbia seguito i commenti del Presidente della Fed Janet Yellen. Con tale decisione la banca centrale americana ha semplicemente confermato che non resta indifferente di fronte a uno stress finanziario internazionale e che il suo approccio di gestione del rischio resta fortemente a favore di "tassi bassi più a lungo". E allora perché i mercati e i media hanno reagito come se la decisione della Fed (o, più precisamente, la sua mancanza di azione) fosse inaspettata?

Ciò che realmente ha scioccato i mercati non è stata la decisione della Fed di mantenere i tassi di interesse a zero per qualche mese in più, ma le dichiarazioni rese. La banca centrale statunitense ha affermato di non essere minimamente preoccupata dei rischi di un’inflazione più elevata ed era ansiosa di portare la disoccupazione al di sotto di quello che molti economisti considerano il suo tasso "naturale" pari a circa il 5%.

È questa relazione - tra inflazione e disoccupazione - che è al centro di tutte le polemiche sulla politica monetaria e le banche centrali. E quasi tutti i modelli economici moderni, compresi quelli utilizzati dalla Fed, si basano sulla teoria monetarista dei tassi di interesse introdotta da Milton Friedman nel suo discorso presidenziale del 1967 dinanzi alla American Economic Association.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/6Gyfk71/it;