Daniel Vine Garcia/GettyImages

Il costoso idolo fiscale della Germania

FRANCOFORTE – La Banca Centrale Europea è sotto duro attacco da parte della Germania, un paese che si è a lungo vantato di difendere il principio dell’indipendenza delle banche centrali. E’ stata infatti proprio la Germania che ha spinto affinché tale principio fosse incluso tra i criteri del Trattato di Maastricht che definivano le condizioni per l’adesione all’unione monetaria dell’Europa.

Per molti membri dell’Unione Economica e Monetaria (UEM) il fatto di dover rendere indipendenti le proprie banche centrali per aderire all’euro ha comportato un grande cambiamento nel regime politico. Ad esempio, nel caso del referendum del 1992 in Francia per la ratificazione del Trattato di Maastricht, la prospettiva di autonomia della banca centrale francese è stata uno dei punti di forza della campagna contro l’adozione dell’euro.

Per contro, nella Germania odierna, mettere pressione sulla banca centrale è diventata una prassi standardizzata. Negli ultimi due mesi persino il Ministro delle finanze Wolfgang Schäuble ha commentato con regolarità sulla politica monetaria della BCE.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/xM2RuJh/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.