Creare uno stato di diritto cinese

HONG KONG – In Cina sta prendendo piede l’idea che il concetto anglosassone di “rule of law”, in italiano “stato di diritto”, sia l’unico requisito indispensabile per la pace e la prosperità globali, sostenibili e di lungo termine. Vale quindi la pena considerare come lo stato di diritto differisca dagli attuali piani istituzionali della Cina.

Lo stato di diritto è stato definito in vari modi, ma la maggior parte delle autorità conviene su alcune caratteristiche principali. Come afferma Kenneth W. Dam dell’Università di Chicago nel suo libro The Law-Growth Nexus, lo stato di diritto esclude il segreto giuridico e l’impunità giuridica, mentre protegge gli individui dalla discriminazione legale e applica norme che li favoriscono.

Thomas Bingham, ex Lord Chief Justice e Senior Law Lord del Regno Unito, ha proposto una definizione in qualche modo più ampia, ma compatibile. Secondo Bingham, la legge deve essere accessibile e, laddove possibile, intelligibile, chiara e prevedibile. Chiunque dovrebbe essere governato in conformità con la legge, depurata dalla discrezione personale di chi è al potere, mentre le controversie legali dovrebbero essere risolte senza costi proibitivi e ritardi eccessivi. Dovrebbe esserci uguaglianza di fronte alla legge, insieme a un’adeguata tutela dei fondamentali diritti umani.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/GOJ6qVz/it;