Carsten ten Brink/Flickr

Perché conta Jeffrey Sachs

SEATTLE – Bono chiama Jeffrey Sachs “la ruota cigolante che romba”. Per me Sachs è il Bono Vox dell’economia: un uomo dalla straordinaria intelligenza, passione e forza di persuasione che si mette a disposizione dei più poveri del pianeta. Non mi ha sorpreso quindi che una giornalista abbia trovato Sachs un personaggio di grande interesse per un libro – e un buon modo per attirare i lettori verso il terreno sostanzialmente arido dello sviluppo internazionale.

In The Idealist, la scrittrice di Vanity Fair Nina Munk dipinge un ritratto pieno di sfumature di Sachs e del suo Millennium Villages Project (MVP) – un progetto da 120 milioni di dollari che ha l’obiettivo di mostrare al mondo che è possibile trascinare i villaggi africani fuori dalla povertà con una massiccia infusione di aiuti mirati. Sarebbe stato semplice, e forse più commercializzabile, se Munk avesse dipinto una caricatura, accentuando eccessivamente le qualità negative di Sachs a scapito dei suo grandi pregi. Ma non l’ha fatto.

Munk ha passato sei anni a fare ricerche per il libro, imparando a conoscere bene Sachs e vivendo per periodi prolungati in due dei 15 Millennium Villages. Apprezza chiaramente l’importanza e le difficoltà di ciò che stanno tentando di fare Sachs e il suo team.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/VHTSPRm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.