Il vantaggio degli esperti

LONDRA – Quasi tutti coloro che siedono nel consiglio di amministrazione di Google hanno almeno una laurea in informatica o in ingegneria. Tra questi due rettori universitari ed eminenti studiosi – John Hennessy dell’Università di Stanford e l’ex rettore dell’Università di Princeton Shirley Tilghman – e diversi membri dell’Accademia nazionale di ingegneria e altre illustri organizzazioni. Per Google vale la pena avere dei tecnici ai vertici.

Ma Google è un insolito colosso aziendale promuovendo le prodezze scientifiche e mettendole al vertice della scala aziendale. Oltre a Silicon Valley, sono pochi i massimi dirigenti che incentivano le competenze tecniche nei prodotti realizzati dalle loro società. I board americani sono pieni di MBA, soprattutto di Harvard, mentre le aziende nel resto del mondo avanzato (ad eccezione forse della Germania) sembrano preferire manager professionisti al talento tecnico o scientifico.

Oggi sembra tanto anomalo avere lavoratori specializzati quanto lo era un tempo avere gli scienziati nei board. In passato si pensava che la leadership fosse meno necessaria nelle organizzazioni ad alto coefficiente di conoscenze, dove si presumeva che gli esperti fossero superiori perché motivati dal piacere intellettuale più che dalle motivazioni estrinseche come la crescita dei profitti e gli obiettivi in termini di costi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/SzIlDBe/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.