Ceramic model of bag of money Ceramic bag of money/Pixabay

The Year Ahead 2016

Il non-sistema monetario globale

NEW DELHI – Mentre il 2015 volge al termine, il mondo si vanta della crescita robusta in alcune zone. In un momento in cui sia i paesi sviluppati che i mercati emergenti hanno bisogno di una rapida crescita per mantenere la stabilità interna, si tratta di una situazione pericolosa. Essa riflette una varietà di fattori, tra cui la bassa crescita della produttività nei paesi industrializzati, l'eccesso di debito dalla Grande Recessione e la necessità di rielaborare il modello di crescita trainato dalle esportazioni dei mercati emergenti.

Quindi come si fa a controbilanciare la debolezza della domanda? In teoria, i bassi tassi di interesse dovrebbero rilanciare gli investimenti e creare posti di lavoro. In pratica, se l'eccesso di debito significa far continuare la debole domanda dei consumatori, il rendimento reale sui nuovi investimenti potrebbe crollare. Il tasso di interesse reale neutro identificato da Knut Wicksell un secolo fa - in senso lato, il tasso di interesse richiesto per riportare l'economia alla piena occupazione con un'inflazione stabile - può anche essere negativo. Questo spiega l’attrazione delle banche centrali nei confronti di una politica monetaria non convenzionale, come il quantitative easing. I pareri secondo cui queste politiche spingono gli investimenti e i consumi interni, nel migliore dei casi, sono contrastanti.

Un altro modo allettante per stimolare la domanda è quello di aumentare la spesa per le infrastrutture del governo. Nei paesi sviluppati, tuttavia, la maggior parte degli investimenti evidenti sono già stati fatti. E mentre tutti possono comprendere la necessità di riparare o sostituire le infrastrutture esistenti (i ponti negli Stati Uniti sono un buon esempio), la spesa allocata male accrescerebbe l'ansia del settore pubblico sulla prospettiva di aumenti delle tasse, aumenterebbe verosimilmente il risparmio delle famiglie e ridurrebbe gli investimenti aziendali.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/sZ7WUcO/it;
  1. Trump visits China Thomas Peter-Pool/Getty Images

    China’s New World Order?

    • Now that Chinese President Xi Jinping has solidified his position as China’s most powerful leader since Mao Zedong, he will be able to pursue his vision of a China-led international order.

    • But if China wants to enjoy the benefits of regional or even global hegemony in the twenty-first century, it will have to prove itself ready to accept the responsibilities of leadership.
  2. Paul Manafort Alex Wong/Getty Images

    The Fall of the President’s Men

    • There can no longer be any doubt that Donald Trump is the ultimate target of Special Counsel Robert Mueller’s sweeping investigation of alleged Russian interference in the 2016 presidential election. 

    • But even if Mueller doesn’t catch Donald Trump in a crime, the president will leave much human and political wreckage behind.
  3. Painted portraits of Chinese President Xi Jinping and late communist leader Mao Zedong Greg Baker/Getty Images

    When China Leads

    For the last 40 years, China has implemented a national strategy that, despite its many twists and turns, has produced the economic and political juggernaut we see today. It would be reckless to assume, as many still do in the US, Europe, and elsewhere, that China’s transition to global preeminence will somehow simply implode, under the weight of the political and economic contradictions they believe to be inherent to the Chinese model.