European Union flag European Union flag/Pixabay

The Year Ahead 2016

La solidarietà dell’Europa in un mondo di crisi

BRUXELLES – La fine dell’anno è sempre il momento in cui si fa il punto della situazione. Alla fine del 2015 possiamo guardare indietro ad un anno in cui la solidarietà europea (correndo il rischio di suonare estremamente drammatico) ha resistito a quelle che possono essere considerate le prove più difficili che l’Europa si è trovata ad affrontare dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Con la crisi greca, il cui impatto sia economico che sociale continua ad interessare tutta l’eurozona e anche l’Unione europea, la solidarietà europea è stata messa a dura prova per gran parte dell’anno.  Sin dall’inizio dell’anno le trattative sulla Grecia hanno infatti messo a dura prova la pazienza di tutti gli attori coinvolti ed hanno comportato una gran perdita di tempo e di fiducia. Alcuni ponti tra stati membri sono stati distrutti, sono state dette parole non facili da ritirare, ed abbiamo persino assistito ad un confronto duro tra le democrazie dell’Europa.

L’Europa è stata quindi molto vicino all’abisso ed è stato solo quando ci siamo trovati sull’orlo del precipizio che siamo riusciti a fare marcia indietro. Alla fine, gli stati membri dell’Europa sono rimasti a fianco della Grecia ed hanno preso degli impegni, li hanno messi in pratica e mantenuti tanto che è ora in corso un nuovo programma. La solidarietà europea ha prevalso e la fiducia ha recuperato terreno. L’aspetto chiave ora sarà la capacità di implementare le riforme. La Commissione europea continua a sostenere la Grecia con un nuovo Servizio di assistenza per le riforme strutturali e garantendo l’assistenza tecnica per ogni fase di implementazione di un programma che sarà comunque molto lungo.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/wVrhpFU/it;
  1. Trump visits China Thomas Peter-Pool/Getty Images

    China’s New World Order?

    • Now that Chinese President Xi Jinping has solidified his position as China’s most powerful leader since Mao Zedong, he will be able to pursue his vision of a China-led international order.

    • But if China wants to enjoy the benefits of regional or even global hegemony in the twenty-first century, it will have to prove itself ready to accept the responsibilities of leadership.
  2. Paul Manafort Alex Wong/Getty Images

    The Fall of the President’s Men

    • There can no longer be any doubt that Donald Trump is the ultimate target of Special Counsel Robert Mueller’s sweeping investigation of alleged Russian interference in the 2016 presidential election. 

    • But even if Mueller doesn’t catch Donald Trump in a crime, the president will leave much human and political wreckage behind.
  3. Painted portraits of Chinese President Xi Jinping and late communist leader Mao Zedong Greg Baker/Getty Images

    When China Leads

    For the last 40 years, China has implemented a national strategy that, despite its many twists and turns, has produced the economic and political juggernaut we see today. It would be reckless to assume, as many still do in the US, Europe, and elsewhere, that China’s transition to global preeminence will somehow simply implode, under the weight of the political and economic contradictions they believe to be inherent to the Chinese model.