op_michnik2_Mark Schiefelbein-PoolGetty Images_putin Mark Schiefelbein/Pool/Getty Images

Insider Interview

Da cosa è spinto Putin?

Irena Grudzińska Gross: È stato insolito per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden tenere una conferenza stampa sull’uccisione del leader dell’Isis, che non aveva affatto l’importanza del suo predecessore, tanto meno di Osama bin Laden. Voleva forse essere una risposta implicita al presidente russo Vladimir Putin secondo cui gli Stati Uniti, umiliati all’estero e divisi in patria, sarebbero una potenza indebolita?

Adam Michnik: Putin è certamente convinto che l’Occidente sia oggi più debole che mai. Ma il suo comportamento deriva anche dalla sua paranoia antiamericana. Putin pensa che qualsiasi cosa facciano gli americani sia contro la Russia. Non so se ciò che sta accadendo in Siria sia correlato a quello che sta accadendo a Donetsk, ma nella mente di Putin c’è sicuramente una correlazione di questo tipo. Ed è tipico di un certo tipo di leader politico. Anche noi in Polonia abbiamo una persona del genere. Ogni volta che viene ostacolato, Jarosław Kaczyński [capo del partito al governo Diritto e giustizia (PiS)] parla di cospirazione tra forze ostili. E le forze ostili sono coloro che non gli fanno un plauso.

Credo che Biden non si sia fatto troppe illusioni sulla Russia di Putin. Intende essere realista e non vuole la guerra, ma rifiuta la politica della pacificazione e della ritirata. Leggo così le dichiarazioni degli americani da quando la Russia ha iniziato ad ammassare truppe al confine con l’Ucraina, e sono ragionevoli. Naturalmente, ciò presuppone che negli Stati Uniti non prevarranno le forze interne ostili ai Democratici e a Biden, anzi ai fondamenti della stessa democrazia americana. In tal caso, questo approccio potrebbe rivelarsi inefficace.

To continue reading, register now.

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

or

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

https://prosyn.org/4LadIqJit