Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

Il mistero dell’abbassamento dei tassi d'interesse

CAMBRIDGE - Mentre i politici e gli investitori continuano a preoccuparsi per i rischi connessi al drastico abbassamento dei tassi d'interesse globali, gli economisti accademici continuano a discutere su quali possano essere le cause scatenanti di questo fenomeno. Ormai, è ampiamente accettata la dichiarazione rilasciata dal presidente della Federal Reserve Ben Bernanke nel 2005 secondo la quale un’"eccedenza di risparmio globale" è all'origine del problema. Gli economisti, però, non concordano sul motivo di tale eccedenza, sulla sua durata futura e, soprattutto, sull’opinione se si tratti di una buona cosa o cattiva.

Il ragionamento formulato da Bernanke metteva in luce una serie di fattori, alcuni che abbassavano la domanda di risparmio, altri che ne aumentavano l'offerta. In entrambi i casi, i tassi d'interesse dovevano scendere per far sì che i mercati obbligazionari mondiali si riprendessero. Bernanke ha mostrato come la crisi finanziaria asiatica della fine degli anni '90 abbia determinato il crollo della vorace domanda di investimenti della regione, al tempo stesso inducendo i governi asiatici a fare scorta di liquidità come copertura contro un'altra crisi. Inoltre, egli ha evidenziato l'aumento del risparmio previdenziale in relazione all'invecchiamento della popolazione in Germania e in Giappone, così come il risparmio dei Paesi esportatori di petrolio, con le loro popolazioni in rapida crescita e i loro timori riguardanti i proventi del petrolio sul lungo periodo.

La politica monetaria, per inciso, non occupa un posto di rilievo nella diagnosi di Bernanke. Come la maggior parte degli economisti, anche lui ritiene che, se i policymaker cercano di mantenere i tassi d'interesse a livelli artificialmente bassi troppo a lungo, il risultato si traduce in un aumento della domanda e in un'impennata dell’inflazione. Pertanto, se l'inflazione è bassa e stabile, le banche centrali non possono essere biasimate per l’abbassamento dei tassi.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/auMhrlfit;
  1. wei22_FABRICE COFFRINIAFP via Getty Images_WTOredlight Fabrice Coffrini/AFP via Getty Images

    How to Revive the WTO

    Shang-Jin Wei & Xinding Yu

    The World Trade Organization’s appellate body is under threat not from China, but from the United States, which is blocking the appointment of new judges to the panel. Reviving the WTO will require changes to the organization's rules – but killing its dispute-settlement system is not the solution.

    0
  2. ghosh16_Yawar NazirGetty Images_indiakashmirmuslimwoman Yawar Nazir/Getty Images

    The Rape of India’s Soul

    Jayati Ghosh

    India’s rapid descent into xenophobia, violence, and irrationality has an important economic dimension, but it takes politicians to channel these emotions into nationalism, and to embolden the nationalists to commit violence. Now that the BJP has done so, is it able – or willing – to exorcise the many demons it has unleashed?

    9