La Controversia sulla Crescita del Debito

STANFORD – La recente polemica riguardo agli errori presenti in uno studio redatto, nel 2010, dagli economisti Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff rappresenta una triste testimonianza delle forti pressioni esercitate dall’informazione “24/7” e dell’atmosfera politicamente tossica che circonda la politica fiscale negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone. Nel loro documento, “Growth in a Time of Debt (La Crescita al Tempo del Debito)”, Reinhart e Rogoff hanno stimato la probabilità di un forte declino nella crescita in concomitanza con un rapporto debito-pubblico/PIL superiore al 90%. Ma lo studio conteneva errori di codifica scoperti da uno studente dottorando dell’Università del Massachusetts. Una volta corretto, l’esito risulta essere sostanzialmente più piccolo, ma comunque economicamente significativo.

Lo studio di Reinhart / Rogoff è solo una piccola parte di una voluminosa letteratura accademica che dimostra che livelli di debito elevati possono essere economicamente rischiosi. Una questione ancora più importante è la causalità: lo stato dell’economia influisce certamente sulla posizione di bilancio, così come possono influenzare la crescita economica l’imposizione fiscale, la spesa, il deficit e l’indebitamento.

Gli errori in economia non sono rari, ma di solito vengono colti in una fase iniziale della ricerca, come una volta è capitato a me con una bozza di stampa. A volte gli errori vengono scoperti solo più tardi, quando sono già documenti di lavoro, come nel caso di Reinhart e Rogoff, o dopo la pubblicazione, come è successo al premio Nobel Ken Arrow, che ha dovuto correggere un errore nella dimostrazione del suo famoso teorema dell’ impossibilità.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/7wfzFhD/it;