Gordon Brown makes keynote speech at the Leading not Leaving’ initiative Christopher Furlong/Getty Images

Guidare, non abbandonare, l’Europa

EDIMBURGO – Il Regno Unito riuscirà mai a riconciliarsi con l'idea di far parte dell'Europa? Se dovessimo basarci sui recenti titoli che i quotidiani britannici hanno dedicato al referendum del 23 giugno sulla permanenza nell'Unione europea, la risposta sarebbe un netto "no".    

I sostenitori dell'uscita dall'Ue hanno costruito la propria campagna sul timore di un'immigrazione fuori controllo e una presunta valanga di pericoli che essa rappresenterebbe, attraverso i barconi o le bombe, per lo stile di vita britannico. I loro oppositori, che vogliono che il Regno Unito resti in Europa, enfatizzano invece un’altra paura, quella della perdita dei posti di lavoro che dipendono dal commercio europeo.

L'incessante alternarsi di slogan ispirati a queste posizioni ha evidenziato visioni del mondo contrastanti. La retorica dei fautori dell'uscita dall’Ue evoca lo spirito di Dunkerque, cioè quello di una nazione che basta a se stessa, capace di far fronte a flotte ed eserciti invasori e sempre accanitamente indipendente dall'Europa. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/zE0JeZn/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.