Paul Lachine

C’è disoccupazione e disoccupazione

BERKELEY – È con sorpresa che in questi giorni sentiamo da diverse fonti che i governi in Europa e in Nord America, e le loro banche centrali, dovrebbero rinunciare alle politiche fiscali espansive perseguite con l’obiettivo di creare posti di lavoro. L’elevata disoccupazione che attualmente affligge i paesi del Nord Atlantico, sostengono i critici degli stimoli di governo, non è ciclica ma “strutturale”, e di conseguenza non può essere alleviata da politiche che incoraggiano la domanda aggregata.

Lasciate che sia io il primo a dire che la disoccupazione strutturale è un grave pericolo reale. Quando le persone, che in altre circostanze potrebbero essere felici, in salute, nonché parte produttiva della forza lavoro, non hanno abilità, fiducia, reti sociali e l’esperienza adeguata a trovare un lavoro che meriti di essere pagato, allora siamo ovviamente di fronte a un problema. E se la disoccupazione in Europa e Nord America resta a un livello elevato per due o tre anni, è altamente probabile che ci troveremo ad affrontare tale situazione. Perché niente di più semplice di una disoccupazione prolungata trasforma la disoccupazione da ciclica a strutturale.

Ma è questo ciò che sta avvenendo oggi? Non sembra che ora il più grande problema delle economie d’Europa e Nord America sia la disoccupazione strutturale? La risposta è no.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/UrfDW4W/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.