Una medicina fiscale alternativa?

BRUXELLES – Dimenticate il precipizio fiscale, il vero problema è la montagna fiscale. Secondo il Fondo monetario internazionale, riportare il rapporto debito pubblico/Pil sotto il livello di guardia è un’impresa ardua per la maggior parte dei Paesi avanzati.

Molti governi europei, avendo intrapreso la strada del consolidamento fiscale mentre la loro economia era ancora debole, sono ora alle prese con le conseguenze della crescita. La stabilizzazione del debito sembra, pertanto, un bersaglio sempre più sfuggente.

Negli Stati Uniti, il consolidamento è soltanto all'inizio. Poiché adesso l’economia privata è più forte, esso può beneficiare di condizioni di crescita più favorevoli, ma l'entità dei tagli di bilancio necessari – pari a oltre dieci punti percentuali del Pil, secondo una stima del Fmi – è a dir poco spaventosa. In Giappone nulla è stato fatto finora, e l'entità dell’impegno richiesto supera ogni immaginazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Fd8EijR/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.