La causa di tutte le crisi legate al debito sovrano

NEW YORK – La crisi del debito greco ha sollevato questioni sulla possibilità o meno che l’euro sopravviva senza la centralizzazione, del tutto inimmaginabile, della politica fiscale. Esiste una strada più semplice. L’indebitamento irresponsabile da parte dei governi nei mercati internazionali del credito è riconducibile all’attività creditizia irresponsabile. Gli enti di vigilanza bancaria dovrebbero solo dire basta a tale attività avvalendosi degli istituti che rientrano a pieno titolo nella loro sfera di competenza.

La concessione di prestiti ai governi esteri è per certi versi più rischiosa dei titoli di debito privati non garantiti o dei bond spazzatura. I privati che contraggono un prestito spesso offrono garanzie collaterali come la casa. La garanzia limita il rischio di downside dei creditori, e il timore di perdere i beni vincolati incoraggia i debitori ad agire con prudenza.

Ma i governi non offrono alcuna garanzia collaterale, e il loro principale incentivo al rimborso – il timore di essere tagliati fuori dai mercati internazionali del credito – deriva da una perversa assuefazione. Solo i governi che sono cronicamente incapaci di finanziare i propri sborsi attraverso le tasse domestiche o i titoli di debito nazionale continuano a chiedere in prestito ingenti somme all’estero. L’ardente desiderio di favorire i creditori esteri solitamente deriva da una forma profondamente radicata di errata governance.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/uG8lJy1/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.