Inarrestabile renminbi

PECHINO – A giugno, la Peoples’ Bank of China (Pbc), la banca centrale cinese, ha annunciato la fine dell’ancoraggio dello yuan-renminbi (Rmb) al dollaro, per la prima volta dopo 23 mesi, e il ritorno al regime dei tassi di cambio che era stato adottato prima della crisi, nel luglio del 2005. Finora, tuttavia, l’apprezzamento del Rmb nei confronti del dollaro è stato lento. <><><>Riuscirà la rivalutazione ad accelerare il passo a tal punto da soddisfare le richieste americane? Se sì, gli squilibri globali svaniranno prima?

Non si può dire che il Rmb non sia sottovalutato, considerati gli ingenti e costanti disavanzi delle partite correnti e del conto capitale della Cina. Ma, nonostante lo sganciamento dal dollaro, sembra improbabile che possano verificarsi nell’immediato futuro apprezzamenti più rapidi dello yuan.

La posizione ufficiale della Cina è che, per evitare eventuali ricadute di un renminbi più forte sulle esportazioni cinesi e quindi sull’occupazione, l’apprezzamento deve procedere in modo autonomo, graduale e controllabile. L’attuale regime dei tassi di cambio, che lega il Rmb a un paniere valutario, è stato realizzato per dare alla Pbc la libertà di controllare l’andamento dell’apprezzamento del Rmb, creando al contempo fluttuazioni in un senso o nell’altro nei confronti del dollaro americano con l’obiettivo di scoraggiare gli speculatori a scommettere univocamente sul Rmb.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/NIKqlDM/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.