I Danni Collaterali del Salvataggio Europeo

MONACO – La zona euro è ormai al suo sesto anno di crisi - e di tentavi da parte della Banca Centrale Europea e della comunità internazionale per riuscire a superarla. I politici sono sempre più intrappolati in un interventismo crescente che, per dirla con il primo ministro britannico David Cameron, può alterare la zona euro "in modo irriconoscibile" e che va a violare le regole di base, economiche e politiche, dell’Europa.

L'ultima richiesta, espressa a gran voce dal presidente francese François Hollande, è rivolta alla BCE per una modificazione del tasso di cambio. Hollande è allarmato per il rapido apprezzamento dell'euro, che è passato da 1,21 dollari, della fine di luglio 2012, a 1,36 dollari dei primi di febbraio di quest'anno. Il rafforzamento del tasso di cambio mette ulteriore pressione sulle traballanti economie dell'Europa meridionale e della Francia, minandone la competitività già bassa.

Il basso costo dell’accesso al credito introdotto dall’euro ha alimentato la bolla economica inflazionistica all’interno dei paesi dell’Europa meridionale che è deflagrata quando è sopraggiunta la crisi finanziaria. Le condizioni di credito sono peggiorate bruscamente, e non sono rimasti che gli avanzi, decisamente sopravalutati, di economie diventate eccessivamente dipendenti dai finanziamenti esteri.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Q9q4Om1/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.