Le conseguenze economiche delle elezioni americane

STANFORD – Le elezioni americane di metà mandato sono state un duro attacco alla vasta espansione di spesa pubblica, disavanzi e debito, messa in atto dal governo. Eletto nel pieno della crisi finanziaria nell’autunno del 2008, il Presidente Barack Obama e la leadership democratica del Congresso sono sembrati sorpresi di fronte al secco no degli elettori agli stimoli fiscali, alla riforma sanitaria e alle politiche energetiche.

Naturalmente, alcuni incrementi sul fronte della spesa e del debito sono il risultato della recessione, nonché del livello di spesa per la difesa e di altri retaggi lasciati dal Presidente George W. Bush. Invece di trovare sicurezza e salvezza dalla recessione in una nuova era di fiducia nel governo, la maggior parte degli elettori si è però rivelata contrariata dal fatto che tali politiche non siano apparentemente riuscite a fare molto per rilanciare l’economia. 

Di conseguenza, i risultati delle elezioni non dovrebbero essere visti principalmente come un’approvazione dei repubblicani, bensì come una critica all’agenda dei democratici, che secondo gli elettori non era in sintonia con le loro preoccupazioni, i loro interessi e valori.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/RQuvCpb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.