Una nuova Bretton Woods

BERKELEY – Siamo nel pieno delle conferenze monetarie internazionali. A marzo, i leader nazionali si sono riuniti a Nanjing, in Cina, per dibattere sui tassi di cambio e di interesse. All’inizio di aprile, preminenti teorici ed ex policymaker si sono dati appuntamento a Bretton Woods, nello New Hampshire, nella culla ideologica del Fondo monetario internazionale e del sistema monetario internazionale, che si fonde sul dollaro.

La conferenza di Bretton Woods svoltasi nel 1944 fu segnata da un contrasto tra gli Stati Uniti  e il Regno Unito, rappresentati rispettivamente dagli economisti Harry Dexter White e John Maynard Keynes. Il Regno Unito ambiva a un sistema in cui la liquidità globale fosse regolata da un’istituzione multilaterale, mentre gli Usa, spinti da interessi personali, prediligevano un sistema basato sul dollaro.

Considerato il suo immenso potere economico e finanziario, l’America ebbe, come previsto, la meglio. Keynes non riuscì a conferire al Fmi il potere di creare una nuova unità di riserva internazionale in alternativa al dollaro, né tanto meno ad ottenere un accordo sulle misure in grado di spingere i paesi in surplus e in deficit – nonché l’emittente di moneta internazionale e i suoi utilizzatori – a mettersi in regola.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FPZXSkC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.