Quella sensazione di stallo

NEW YORK – Malgrado la serie di eventi ad alto impatto e a bassa probabilità che hanno colpito l’economia globale nel 2011, i mercati finanziari hanno continuato a crescere felicemente fino a un mese fa. L’anno è iniziato con il rincaro dei prezzi relativi ai generi alimentari, al petrolio e alle materie prime, che ha dato vita allo spettro dell’alta inflazione. Poi sono scoppiate le violente rivolte nel Medio Oriente, che hanno ulteriormente spinto al rialzo i prezzi del petrolio. In seguito è arrivato il terribile terremoto del Giappone, che ha arrecato gravi danni sia all’economia di questo paese che alle catene di distribuzione globali. Infine Grecia, Irlanda e Portogallo hanno perso l’accesso ai mercati del credito, rendendo necessari pacchetti di salvataggio ad opera del Fondo monetario internazionale e dell’Unione europea.

Ma c’è dell’altro. Sebbene la Grecia fosse stata salvata un anno fa, il Piano A è fallito miseramente. Il paese ellenico avrà bisogno di un altro salvataggio ufficiale – o di un intervento da parte dei creditori privati, opzione che sta alimentando un acceso dibattito tra policymaker europei.

Allo stesso modo, i timori sugli insostenibili deficit fiscali dell’America sono sfociati in terribili lotte politiche intestine, che hanno quasi portato a un collasso del governo. Si profila una battaglia simile sul “tetto del debito” americano che, se lasciata irrisolta, introdurrà il rischio di un default “tecnico” sul debito pubblico americano.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Rw7V6Od/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.