Testare Putin in Siria

NEW YORK – Non sono mancati i controlli su ciò che il presidente russo Vladimir Putin sta facendo in Siria e perché. Gran parte dell’analisi, però, è stata troppo incentrata sul breve termine e potrebbe essere troppo negativa nel valutare le possibili conseguenze a lungo termine delle sue azioni.

Ciò che sappiamo è che Putin ha deciso di venire in aiuto del regime in regime di Bashar al-Assad. Le bombe e i missili russi piovono ora dal cielo su una serie di gruppi armati che combattono le forze governative siriane, dando al regime il margine di manovra sottinteso all’intervento della Russia.

Per quanto crudele sia il governo di Assad, e nonostante tutto ciò di cui debba rispondere, questo risultato è senza dubbio preferibile nel breve termine al collasso del regime. Oggi la dolorosa verità in Siria è che l’implosione del governo causerebbe con tutta probabilità un genocidio, milioni di altri profughi e la costituzione del cosiddetto califfato dello Stato islamico a Damasco.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/CvrXiLU/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.