Paul Lachine

Tecnologia e disuguaglianza

CAMBRIDGE – Finora l’inesorabile marcia della tecnologia e della globalizzazione si è schierata soprattutto dalla parte dei lavoratori altamente specializzati, contribuendo ad alimentare, in tutto il mondo, grandissimi livelli di disuguaglianza in termini di reddito e ricchezza. Alla fine ci troveremo forse di fronte a nuova guerra di classe, con governi populisti al potere, che estenderanno i limiti della ridistribuzione dei redditi e affermeranno un maggiore controllo dello stato sulla vita economica?

La disuguaglianza dei redditi è senza dubbio la maggiore minaccia per la stabilità sociale di tutto il mondo, sia che si tratti di Stati Uniti, periferia europea o Cina. Eppure ci si dimentica con troppa facilità che le forze di mercato, se messe in gioco, potrebbero esercitare un ruolo stabilizzante. In parole povere, maggiore è il premio riservato ai lavoratori altamente specializzati, minore è la volontà di puntare sul loro talento.

Il mondo degli scacchi, che ben conosco, illustra perfettamente in che modo nei prossimi decenni l’innovazione sortirà un effetto del tutto diverso sui salari rispetto alle tre decadi passate.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/tk84P9H/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.