La tentazione dei banchieri centrali

WASHINGTON, DC – Il sistema bancario è diventato il tallone d'Achille dei banchieri centrali, un fatto che potrebbe sembrare paradossale visto che il termine "banca” compare della descrizione delle loro mansioni. Il motivo è che, in generale, chi siede ai vertici delle nostre banche centrali ha costruito la propria carriera negli anni ’80 e ’90, quando il rischio d’inflazione era ancora molto alto e, per tale motivo, tra le sue principali preoccupazioni intellettuali e pratiche l’inflazione viene prima della regolamentazione e della vigilanza bancaria.

Inoltre, negli ultimi cinque anni un'esperienza formativa per molti di loro è stata la necessità di evitare un potenziale crollo della produzione, anche impedendo la discesa dei prezzi, obiettivo conseguito perlopiù sostenendo il credito, a prescindere dalle eventuali conseguenze per la struttura o gli incentivi del settore.


Non sorprende, quindi, che i banchieri centrali continuino ancora oggi a mostrare una certa deferenza verso coloro che governano le grandi banche del settore privato. Le banche centrali esercitano un notevole controllo sull'offerta di moneta di un'economia, e possono influenzare i tassi di interesse di un’ampia gamma di prestiti e titoli. D'altro canto, però, le banche private erogano prestiti, oltre a detenere la responsabilità di importanti aspetti del funzionamento dei mercati finanziari.


To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/be1gytj/it;