4

La Seconda “Apertura” del Giappone

TOKYO – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è in visita a Tokyo in un momento unico della storia del mio paese, una fase di passaggio dell’economia del Giappone verso un nuovo percorso di crescita stabile che si avvantaggerà pienamente della sua posizione geografica. Il paese non si considera più “Estremo Oriente”; anzi, siamo al centro del Pacifico, vicino al cuore della crescita mondiale che si estende dal sud-est asiatico all’India.

Non vi è dubbio che nel prossimo futuro questa area di crescita continuerà ad incentivare l’economia giapponese. Gli investimenti diretti del Giappone si stanno espandendo in Vietnam e in India, per esempio, il che aumenterà la domanda di macchine utensili e beni strumentali giapponesi.

Ma, per massimizzare le opportunità, il Giappone deve aprire ulteriormente la propria economia e diventare un paese che incorpora attivamente dall’estero capitali, risorse umane, e conoscenze. Il Giappone deve essere un paese in grado di crescere assumendo la vitalità di un’Asia in crescita.

A tal fine, abbiamo fortemente accelerato il ritmo dei negoziati sugli accordi di partenariato economico – APE-, con diversi partner in tutto il mondo. All’inizio di questo mese, il primo ministro australiano Tony Abbott ed io abbiamo raggiunto un accordo di principio su un APE Giappone-Australia. Il prossimo è il Trans-Pacific Partnership (TPP), che dovrebbe unire 12 paesi nella più grande area commerciale del mondo.