shultz2_Liu JieXinhua via Getty Images_federal reserve Liu Jie/Xinhua via Getty Images

L’eccessiva spesa pubblica dell’America deve finire

Prima della sua morte avvenuta il 6 febbraio, George P. Shultz, ex segretario del Tesoro americano e segretario di Stato, aveva contribuito a un articolo contenente una sorta di ultimatum sui pericoli posti dal vasto incremento di spesa pubblica americana registrato negli ultimi anni, anche durante la crisi dovuta al Covid-19.

STANFORD – Molti a Washington sembrano ora pensare che il governo federale degli Stati Uniti possa spendere una quantità illimitata di denaro senza incorrere in conseguenze economiche dannose. Si sbagliano. L’eccessiva spesa federale sta creando rischi gravi sul fronte economico e della sicurezza nazionale. L’avventatezza fiscale dell’America deve finire.

La crisi da Covid-19 ha dato l’ultimo impulso alla spesa pubblica, fino al punto di spingere la mentalità americana verso il socialismo, una dottrina che ha sempre danneggiato il benessere delle persone. Per alcuni, però, non ci sarebbe alcun bisogno di preoccuparsi per le spese eccessive. Dopo tutto, sostengono, i tassi di interesse ai minimi storici non mostrano apparentemente alcun segno di aumento. L’economia se la stava cavando abbastanza bene fino alla comparsa della pandemia, e senza dubbio crescerà con forza quando finirà la pandemia. C’è anche aria di inflazione?

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/KrtGY1Dit