Le Sciocchezze Insostenibili di Rio

NEW YORK –  Se oggi George Orwell fosse vivo sarebbe irritato, ed anche scioccato dal modo cinico in cui tutte le lobby, nel tentativo di tirare acqua al proprio mulino e avendo soldi da buttare, si sono agganciate alla seducente frase “sviluppo sostenibile”.  In realtà, la Conferenza delle Nazioni Unite di Rio+20 sullo Sviluppo Sostenibile affronta qualsiasi progetto stia a cuore a chicchessia –molti di loro solo tangenti ai grandi temi ambientali, come il cambiamento climatico, che erano la principale eredità dell’originale Summit della Terra di Rio.

Così, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro e le lobby sindacali hanno fatto in modo di inserire  il “Lavoro Dignitoso” tra le sette aree prioritarie alla conferenza di Rio. Mi piacerebbe moltissimo che tutti, ovunque, avessero un lavoro dignitoso. Ma questo cosa ha a che fare sia con l’ambiente che con la sostenibilità?

Nessuno può pretendere che si possano magicamente offrire posti di lavoro dignitosi ad un numero enorme di persone impoverite ma che aspirano ad un lavoro nel settore informale. Un lavoro di questo tipo può essere creato soltanto mediante l’adozione di appropriate politiche economiche. Infatti, il compito veramente pressante che molte economie in via di sviluppo si trovano ad affrontare è il perseguimento di politiche che promuovano opportunità economiche accelerando la crescita.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/kkLkeBm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.