È tempo di resettare le relazioni tra Turchia e Ue

MADRID – Solo cinque anni fa Osama bin Laden era vivo, Hosni Mubarak teneva ben strette le redini dell’Egitto e Zine el-Abidine Ben Ali governava la Tunisia con il pugno di ferro. Oggi la regione è teatro di rivolte popolari e cambiamenti politici. Abbiamo, inoltre, assistito a una brutale repressione delle proteste in Siria e Yemen, all’invasione delle truppe saudite in Bahrain e alla battaglia in Libia, che è tuttora in corso.

La “Primavera araba” dovrebbe far rivolgere l’attenzione dell’Europa verso una questione largamente ignorata negli ultimi mesi: i vantaggi dell’ingresso della Turchia nell’Unione europea. Considerate le enormi opportunità derivanti dagli attuali avvenimenti, i vantaggi dell’accesso della Turchia per l’Europa sono ovvi.

Ora che Recep Tayyip Erdoğan è stato riconfermato primo ministro turco per un altro mandato, e che la Polonia, paese ben consapevole dell’importanza della posizione strategica dell’Europa nel mondo, assumerà alla fine del mese la presidenza dell’Ue, è tempo che l’Unione e la Turchia “resettino” le trattative sull’adesione di tale paese.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/1EiAgIt/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.