Jordan Pix/Getty Images

Riconciliarsi con il “Sykes-Picot”

NEW YORK – Questo mese ricorre il centenario dell’Accordo Sykes-Picot, l’intesa segreta anglo-francese che ha dato origine ad una serie decennale di aggiustamenti dei confini del Medio Oriente post-ottomano. Quasi tutti i commenti riguardo all’anniversario sono stati negativi, suggerendo che all’accordo va attribuita gran parte della colpa per la frequenza e la durata dei conflitti nella regione.

Tale interpretazione, tuttavia, sfiora il ridicolo. Mark Sykes e François Georges-Picot intendevano definire un programma che consentisse a Gran Bretagna e Francia di evitare una disastrosa rivalità in Medio Oriente. Ci sono in gran parte riusciti: il loro disegno ha evitato che la regione si frapponesse tra le due potenze europee, ed è riuscito a sopravvivere per un secolo.

A dire il vero, molti dei confini dovuti al Sykes-Picot riflettevano la definizione di accordi ritagliati in Europa piuttosto che le realtà demografiche o storiche locali. Ma ciò difficilmente rende il Medio Oriente un caso unico: la maggior parte dei confini di tutto il mondo deve la propria eredità meno a progetti ponderati o a scelte popolari che ad un misto di violenza, ambizione, geografia, e caso.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/1Sm2EAj/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.