Ted Cruz Branden Camp via ZUMA Wire

Riformare o deformare la Fed?

BERKELEY – La campagna elettorale presidenziale negli Stati Uniti ha preso una piega particolarmente assurda dal momento che i candidati avanzano le loro proposte per la riforma della politica monetaria. Non è la prima volta, naturalmente, che i candidati presidenziali hanno proposto di modificare il modo in cui viene condotta la politica monetaria statunitense. Ma la natura profonda, a volte stramba, degli attuali schemi è eccezionale rispetto agli standard storici.

Il perché tali proposte attirano l’attenzione di candidati e potenziali elettori non è un mistero. A partire dalla crisi finanziaria, la Federal Reserve ha messo in atto una serie di misure senza precedenti, tagliando i tassi di interesse a zero, espandendo in maniera massiccia il proprio bilancio e attuando dei piani di salvataggio delle istituzioni finanziarie in difficoltà. Tali misure erano destinate a curare i mali dell'economia, ma la loro reale associazione con i mali avvalora la convinzione che ne sono in qualche modo la causa di fondo.

Allo stesso modo, la partecipazione della Fed ai salvataggi di istituti finanziari in difficoltà è stata criticata per aver favorito Wall Street rispetto a Main Street. E, a parte, la Fed è stata attaccata per aver creato disuguaglianza, in primo luogo mantenendo i tassi di interesse bassi, e ora alzando i tassi, mettendo così un limite alla crescita dei salari.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/itcZZwf/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.