Il miraggio economico della Germania

LONDRA – Per 60 anni, tutti i governi tedeschi hanno perseguito una Germania più europea. Ma ora, l’amministrazione della cancelliera Angela Merkel vuole rimodellare le economiche europee a immagine e somiglianza della Germania. È una mossa politicamente poco saggia ed economicamente pericolosa. Lungi dall’essere l’economia di maggior successo in Europa – come millantano il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schäuble e altri – l’economia della Germania è disfunzionale.

La Germania vanta sicuramente alcuni punti di forza: aziende di fama mondiale, bassi livelli di disoccupazione e un eccellente merito di credito. Ma riserva anche salari stagnanti, banche colte con le mani nel sacco, investimenti inadeguati, deboli guadagni di produttività, una demografia deprimente e un’anemica crescita della produzione. Il suo modello economico del tipo “impoverisci il tuo vicino” – reprimere i salari per sostenere le esportazioni – non dovrebbe essere un esempio da seguire per il resto dell’Eurozona.

L’economia tedesca si è contratta nel secondo trimestre del 2014, ed è cresciuta di appena 3,6% dalla crisi finanziaria globale del 2008 – poco più di Francia e Regno Unito, ma meno della metà del tasso di Svezia, Svizzera e Stati Uniti. Dal 2000 la crescita del Pil ha registrato in media appena l’1,1% annuo, classificandosi in 13a posizione nell’Eurozona a 18 membri.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/CMIm8Ft/it;