French police officer after Paris attacks. Tolga Akmen/London News Pictures via ZUMA Wire

Siamo in guerra

PARIGI – Sin dagli attacchi di gennaio alla rivista satirica Charlie Hebdo e al supermercato kosher, i parigini sapevano che la barbarie si celava dietro l’angolo e che avrebbe colpito di nuovo. Ma una cosa è pensarla e prevederla, un’altra trovarsi faccia a faccia con la brutale realtà. Venerdì sera la realtà ci ha colpito con tanta violenza. Siamo in guerra. Sarebbe sbagliato – e anche pericoloso – non ammetterlo. E per vincere servirà chiarezza, unità e fermezza.

La chiarezza di analisi è ciò di cui abbiamo più bisogno ora. Conosciamo a malapena il nostro nemico, se non per l’intensità dell’odio e la profondità della crudeltà. Per comprenderne la strategia, dobbiamo riconoscerlo per ciò che è: un avversario intelligente, e a proprio modo razionale. Da troppo tempo lo disprezziamo e lo sottovalutiamo. Urge un cambio di rotta.

Nelle ultime settimane, la strategia di terrore dello Stato islamico ha portato la morte nelle strade di Ankara, Beirut e Parigi, e nei cieli sopra il Sinai. L’identità delle vittime non lascia alcun dubbio sulla natura del messaggio. “Curdi, russi, sciiti libanesi, francesi: voi ci attaccate, noi vi ammazziamo.”

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/UyRqP8e/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.