Un numero che parla da sé

NEW HAVEN – Il numero incriminato è 0,2%. Corrisponde alla crescita media annua della spesa per consumi degli americani negli ultimi 14 trimestri, calcolata dal primo trimestre del 2008 al secondo trimestre del 2011, depurando l’inflazione. Si tratta di una debolezza nella domanda di consumo che non si era mai vista in America dalla fine della seconda guerra mondiale. Questo dato rispecchia bene ciò che oggi non va negli Usa, e più in generale nell’economia mondiale.

Esistono due fasi distinte precedenti a questo periodo di eccezionale debolezza dei consumatori americani. Dal primo trimestre del 2008 fino al secondo trimestre del 2009, la domanda dei consumatori ha registrato una flessione pari al 2,2% annuo per sei trimestri consecutivi. Non sorprende il fatto che la contrazione sia stata più acuta durante i momenti peggiori della Grande Crisi, quando i consumi sono precipitati a un tasso del 4,5% nel terzo e quarto trimestre del 2008.

Quando l’economia americana si è risollevata a metà del 2009, i consumatori sono entrati in una seconda fase che ha visto una ripresa molto flebile. La crescita reale annua dei consumi negli otto trimestri successivi, dal primo trimestre del 2009 fino al secondo trimestre del 2011, ha registrato una media del 2,1%. Questo dato rappresenta la ripresa più anemica mai evidenziata sul fronte dei consumi e corrisponde a un punto percentuale e mezzo in meno rispetto al trend del 3,6%, registrato nei 12 anni precedenti alla crisi, cioè tra il 1996 e il 2007.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Pk4twbu/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.