La battaglia del budget

MILANO – Le economie sviluppate del mondo, all’interno delle quali gli Stati Uniti sono il paese più grande e sistematicamente più importante, si trovano ad affrontare una serie di scelte difficili di natura politica e sociale. La proposta sul budget del Presidente Barack Obama riconosce ed affronta queste scelte in modo diretto per la prima volta nel periodo post-crisi.

La proposta di Obama è un documento importante, onesto e politicamente coraggioso. Il dibattito che seguirà determinerà se gli Stati Uniti si sposteranno verso un modello di crescita forte, inclusiva e sostenibile e le modalità in cui il peso comportato da questo cambiamento verrà condiviso tra gli americani di varie età, livello d’istruzione, reddito e benessere.

Sappiamo che le potenti forze del mercato globale e tecnologico hanno ridotto drasticamente i posti degli operai e dei lavori professionali, che hanno spostato le opzioni professionali per la classe media verso la parte non-tradable dell’economia e incanalato la crescita del reddito nazionale verso professioni legate ai capitali e alle fasce alte provocando redditi stagnanti negli altri settori. La creazione dei posti di lavoro continua ad essere debole, mentre l’occupazione continua a divergere dalla crescita.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/cS5YulV/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.