Jean-Claude Juncker at European Parliament. European Parliament/Flickr

Come gestire la tempesta perfetta dell’Europa

NEW YORK – I cinesi fanno spesso notare come nella loro lingua l’ideogramma di “crisi” sia identico a quello di “opportunità”. Se da un lato è vero che crisi e opportunità si muovano spesso di pari passo, dall’altro è difficile intravedere delle opportunità nelle attuali condizioni dell’Europa.

Una delle ragioni per cui la situazione che deve attualmente fronteggiare l’Europa è così difficile è che era inaspettata. Ed eccoci qui, 70 anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, un quarto di secolo dalla fine della Guerra Fredda e due decenni dopo le guerre nei Balcani, con un futuro politico, economico e strategico che improvvisamente sembra molto più incerto di quanto avessero mai potuto prevedere fino a un anno fa.

Un altro motivo di preoccupazione è che l’Europa non sta affrontando una crisi sola, bensì più crisi contemporaneamente. La prima è di tipo economico, e non solo per l’attuale rallentamento della crescita, ma anche per la prospettiva che tale scenario continui senza tregua, soprattutto a causa delle politiche che spesso scoraggiano gli investimenti e le assunzioni nelle imprese. L’ascesa dei partiti politici populisti sia di sinistra che di destra in tutto il continente attesta le frustrazioni e i timori della gente.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/iqFp9fu/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.